Assicurazione Infortuni: Scopri le Garanzie della nostra Offerta!

L'articolo è interessante? Condividilo!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+

Entra in un nuovo mondo di convenienza e comodità! Assicurazione A ti propone l’assicurazione Infortuni di Genialloyd. Tante garanzie per una polizza più sicura e trasparente.

L’Assicurazione Infortuni ti offre la garanzia di invalidità permanente e di assistenza, e potrai eventualmente scegliere se aggiungere l’estensione della copertura per il caso morte e la diaria da ricovero.

Scopri ora tutte le garanzie!

1. Invalidità permanente: La garanzia prevede in caso di sinistro che ha per conseguenza l’Invalidità Permanente dell’assicurato, il riconoscimento di una indennità pari alla percentuale di capitale assicurato stabilita per la tipologia di infortunio dalla tabella ANIA.

2. Assistenza: Prevede numerosi servizi di consulenza sanitaria e assistenza medica: informazioni ed orientamento medico telefonico, consulenza sanitaria di alta specializzazione, invio di un medico al domicilio, trasporto in ambulanza, rimpatrio sanitario, organizzazione di visite specialistiche ed accertamenti diagnostici a tariffe agevolate, consegna esiti a domicilio, invio di un infermiere a domicilio.

3. Morte da infortunio: Questa garanzia prevede in caso di sinistro che ha per conseguenza la morte dell’assicurato, il riconoscimento di un indennizzo pari al capitale assicurato.

4. Diaria di ricovero: prevede un’indennità giornaliera in caso di ricovero ospedaliero a seguito di infortunio. È attiva sin dal primo giorno di degenza. Nel caso in cui il periodo di ricovero sia superiore ai 10 giorni, a partire dall’undicesimo giorno l’indennità giornaliera viene raddoppiata.

Inoltre se richiederai il preventivo tramite il nostro sito risparmierai automaticamente, una volta che avrai completato il modulo di richiesta! Non aspettare e scopri subito tutti i vantaggi di scegliere Assicurazione A!

L'articolo è interessante? Condividilo!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+