Aumento Assicurazione: Come Mai?

L'articolo è interessante? Condividilo!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+
Aumento Costo Assicurazione Rca

Aumento Costo Assicurazione Rca

Aumento Assicurazione: come mai?
Che si causino incidenti o no, le compagnie di assicurazione ogni anno possono determinare un aumento del premio dell’assicurazione. L’aumento assicurazione è intuibile nel caso in cui l’assicurato, nell’anno precedente, ha causato uno o più incidenti, ma come mai si registrano aumenti del premio di assicurazione anche per chi non ha mai fatto incidenti?

Come già saprete il premio (costo della polizza) di un’assicurazione rca viene stabilito in base al listino di ogni compagnia assicurativa tenuto conto dei dati riportati sull’attestato di rischio, specificatamente alla voce “classe di merito CU assegnata“. Questa voce CU (classificazione universale) esprime un dato univoco decodificabile da ogni assicurazione ed esprime le qualità dell’assicurato nel causare o evitare incidenti stradali. Causare sinistri (incidenti) comporta costi per l’assicurazione dovuti a titolo di risarcimento danni da rimborsare a terzi; come logica conseguenza il premio per l’anno successivo subirà un incremento. Avendo abolito anche la clausola del tacito rinnovo, sarà compito del contraente polizza rca stabilire se riassicurarsi con la stessa compagnia assicurativa, anche a seguito dell’aumento del premio assicurazione, o valutare condizioni migliori offerte da un’altra assicurazione.

Ma come mai si può verificare l’aumento assicurazione anche in assenza di sinistri? Il concetto meritocratico dovrebbe premiare i conducenti di veicoli a motore che non causano sinistri con una riduzione del premio di assicurazione. Ciò a volte non avviene in quanto le compagnie, per compensare le perdite dovute alle somme da risarcire per i danni subiti nel periodo precedente, alzano il loro “listino”, penalizzando anche il conducente virtuoso. La recente introduzione dell’art. 170-bis al Decreto Sviluppo relativo all’abrogazione del tacito rinnovo consente ai clienti di decidere ogni anno con quale compagnia di assicurazione sottoscrivere la polizza rca. La nuova normativa esclude pertanto l’obbligo da parte dell’assicurato di inoltrare la lettera di disdetta.

Ma l’assicurazione può disdettare una polizza alla scadenza ovvero non consentire al proprio cliente di riassicurarsi per l’anno successivo?
Abbiamo parlato di questo argomento in un altro articolo. Per maggiori approfondimenti clicca qui

AssicurazioneA.it

L'articolo è interessante? Condividilo!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+