Auto Senza Assicurazione: Cosa si Rischia?

L'articolo è interessante? Condividilo!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+
Auto senza Assicurazione

Auto senza Assicurazione

Cosa si rischia guidando un’auto senza assicurazione?

E’ sempre più diffuso in Italia il fenomeno delle auto senza assicurazione.  Secondo uno studio dell’ACI Automobile Club d’Italia, sono circa 4 milioni i veicoli che ad oggi circolano sulle nostre strade senza una copertura assicurativa. Si parla dell’8% dei veicoli, con un aumento di 500 mila vetture rispetto allo scorso anno. Nel conteggio sono inclusi auto senza assicurazione che non presentino il tagliando, veicoli con assicurazione scaduta e veicoli con tagliandi falsi o contraffatti.

Il fenomeno delle auto senza assicurazione si dimostra, dunque, essere in costante crescita, soprattutto a causa della crisi economica che spinge le famiglie a trascurare il pagamento della polizza auto.  Ma cosa si rischia guidando un’auto senza assicurazione?

L’articolo 193 del nuovo codice della strada sancisce l’obbligo di copertura assicurativa per i veicoli a motore che non circolino su rotaie, e stabilisce anche la sanzione amministrativa applicata qualora si circoli con un’auto senza assicurazione che varia tra i 779 e i 3.119 euro.

La sanzione viene ridotta ad un quarto qualora la copertura assicurativa venga riattivata nei 15 giorni successivi alla scadenza della stessa.

Il rischio nel circolare con un’auto senza assicurazione, però, può essere ben più grave della semplice sanzione amministrativa qualora si circoli con un veicolo provvisto di un falso tagliando assicurativo o di un tagliando assicurativo contraffatto. In questi casi, infatti, è prevista la confisca dell’auto senza assicurazione, ovvero la perdita dei diritti sul veicolo in questione la cui proprietà viene trasferita allo Stato, la sanzione amministrativa e la sospensione della patente di guida per un anno.

AssicurazioneA.it

L'articolo è interessante? Condividilo!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+