Patente: Quando è previsto il Ritiro, la Sospensione e la Revoca?

L'articolo è interessante? Condividilo!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+

Alla patente di guida, in aggiunta alle sanzioni amministrative, possono essere aggiunte sanzioni accessorie quali il ritiro, la sospensione, la revoca oltre alla decurtazione dei punti (i punti patente sono in vigore dal 1 luglio del 2003). Di seguito vediamo il significato di ritiro, sospensione e revoca patente e le casistiche in cui queste sanzioni accessorie vengono applicate. Le sanzioni amministrative variano in base al tipo ed al numero di infrazioni commesse.

RITIRO PATENTE DI GUIDA
La patente di guida può essere immediatamente ritirata dagli agenti di Polizia in caso di infrazioni non gravi del codice della strada. A seguito del ritiro patente, la stessa viene restituita una volta regolarizzata la prescrizione omessa, salvo il caso di sospensione a tempo determinato o la revoca della patente. I casi di ritiro patente sono:

  • guida con patente scaduta
  • guida senza essersi sottoposti all’esame di revisione della patente
  • a seguito di accertamenti medici che attestino la non temporanea idoneità alla guida
  • errata sistemazione del carico trasportato dal veicolo
  • guida in stato di ebbrezza
  • a seguito di un infrazione che comporti la sospensione della patente

SOSPENSIONE PATENTE DI GUIDA
La sospensione è disposta dal prefetto o dalla motorizzazione civile o dall’autorità giudiziaria per un periodo determinato, in caso di violazioni del codice della strada. Il periodo di sospensione patente varia da un minimo di 15 giorni fino ad un massimo di 5 anni. I casi in cui è prevista la sospensione patente sono:

  • guida di un veicolo non compreso in quelli autorizzati dal tipo di patente posseduta (esempio guida di un autobus con patente B) (da 1 a 6 mesi)
  • guida senza i dovuti adattamenti previsti o non conformi a quelli prescritti (esempio un conducente mutilato sprovvisto di un apposito volante) (da 1 a 6 mesi)
  • Perdita temporanea dei requisiti pscico-fisici (la patente rimarrà sospesa fino a quando il titolare non recupererà i requisiti minimi richiesti)
  • Superamento dei limiti di velocità di oltre 40 km, ma non superiore a 60 km orari (sospensione da 1 a 3 mesi. Da 8 a 18 mesi in caso di recidiva in un biennio)
  • Superamento dei limiti di velocità di oltre 60 km orari (sospensione da 6 a 12 mesi. Revoca della patente in caso di recidiva in un biennio)
  • Circolazione contromano in corrispondenza di curve e dossi o nella carreggiata di una strada a carreggiate separate (da 1 a 3 mesi; da 2 a 6 mesi in caso di recidiva)
  • Guida contro mano o inversione di marcia in autostrada (sospensione da 6 a 24 mesi)
  • Guida in stato di ebbrezza (sospensione da 6 mesi a 24 mesi in base alla percentuale alcolemica nel sangue)
  • Guida sotto l’effetto di stupefacenti (da 6 mesi ad 12 mesi)
  • Mancato soccorso in caso di investimento di persona (da 18 mesi a 60 mesi) o danni gravi ad un altro veicolo da 15 giorni a 2 mesi)
  • Circolazione alla guida di un veicolo sequestrato (da 1 a 3 mesi)
  • Eccesso limiti di sagoma e massa del veicolo (da 15 a 60 giorni; da 1 a 3 mesi se il conducente non provvede a mettersi in regola)
  • Giuda di veicoli con Carta di Circolazione sospesa (da 3 mesi ad 12 mesi)
  • Ipotesi di reato per danni a persone (fino a 12 mesi)
  • Se partecipante a gare clandestine (da 12 a 36 mesi)
  • Per gravi infrazioni in caso di sorpasso dove previsto il divieto (da 1 a 3 mesi)
  • Guida di Taxi o altri veicoli come Noleggio Con Conducente senza le dovute autorizzazioni (da 4 a 12 mesi)
  • Per duplice violazioni nel corso di un biennio delle norme riguardanti il diritto di precedenza, passaggi a livello, divieto di sorpasso, distanza di sicurezza, uso delle cinture di sicurezza (da 1 a 3 mesi)

REVOCA PATENTE DI GUIDA
Con la revoca della patente si intende l’annullamento di questo documento.
NB: il titolare di questo documento per poter condurre nuovamente un veicolo a motore dovrà, dopo 12 mesi dall’avvenuta revoca patente, risostenere gli esami di guida (prova teorica e pratica). La revoca della patente può essere disposta dal prefetto, dalla motorizzazione civile o dal giudice. I casi in cui è prevista la revoca patente sono:

  • perdita permanente dei requisiti psico-fisici-morali.
  • in caso di revisione della patente, il conducente non risulti più idoneo alla guida (ad esempio una persona anziana per riduzione del campo visivo)
  • sostituzione della patente Italiana con una patente estera
  • in caso di circolazione su un veicolo durante il periodo in cui la patente era stata sospesa.
  • circolazione in contromano in autostrada o su strada extraurbana.
  • guida di un veicolo con tasso alcolico superiore a 1,5 g/l
  • in caso di incidente che causi morte o lesioni gravi derivati da gare di alta velocità
  • accertamento di due volte nell’arco di un triennio in caso di guida di veicoli Taxi o NCC senza le dovute autorizzazioni
  • sia condannato per lesioni più o meno gravi a persona due volte in cinque anni.
  • sia un delinquente abituale, come professione o come tendenza.

 AssicurazioneA.it

L'articolo è interessante? Condividilo!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+