Polizze Vita Scadute? Ecco la Nuova Normativa

L'articolo è interessante? Condividilo!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+

Cosa accade quando qualcuno dimentica di incassare una polizza vita? E se un congiunto decede e lascia in eredità una polizza vita non ancora scaduta?

Fino a poco tempo fa, se non si inviava la richiesta di liquidazione alla compagnia assicurativa entro due anni dalla scadenza  (contro i dieci anni di tutti gli altri diritti monetari) oppure dalla morte dell’intestatario, la polizza in questione veniva prescritta e il suo premio devoluto a fondi dello Stato.

Con il decreto Cresci Italia, però, le norme sono cambiate: ora la liquidazione delle polizze vita può essere richiesta fino a dieci anni dalla loro scadenza oppure dalla morte dell’assicurato.

A questo punto, anche chi aveva rinunciato al rimborso, potrebbe ottenerlo retroattivamente.

Ecco la procedura corretta da seguire: spedire immediatamente un reclamo alla compagnia assicurativa richiedendo il pagamento della somma che vi spetta di diritto. In caso di diniego, avviare una mediazione (consigliamo di rivolgervi al Movimento Consumatori, sul cui sito è presente anche un modulo per l’invio di e-mail). Se anche questo tentativo dovesse fallire, conviene adire le vie legali.

Assicurazione A

L'articolo è interessante? Condividilo!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+