Rimborso Assicurazione Mutuo o Finanziamento: Come Richiederlo?

Rimborso Assicurazione Mutuo Casa

L'articolo è interessante? Condividilo!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+

Rimborso assicurazione mutuo casa o più genericamente di un finanziamento (ad esempio il rimborso di quota parte del premio versato per la stipula di una polizza abbinata ad un prestito personale o cessione del quinto di stipendio): è possibile richiederlo e a quali condizioni?
Negli ultimi anni la stipula di un mutuo casa, ovvero la delibera di un mutuo casa, è stata spesso abbinata alla sottoscrizione da parte dei richiedenti di una polizza all risks, assicurazione cumulativa di più garanzie a favore dell’assicurato.  Il costo delle polizze all risks varia da assicurazione ad assicurazione, oltre che dalle garanzie offerte e alla sua durata; possiamo dire che mediamente il costo del premio (il premio di una polizza corrisponde alla somma versata dal cliente alla compagnia assicurativa in cambio della copertura assicurativa) ha un incidenza variabile dal 7 al 10% rispetto l’importo del mutuo erogato.
Ad esempio
se Mario stipula un mutuo prima casa di € 120.000,00 in 25 anni, l’importo del premio della polizza all risks potrebbe essere stimano in € 7.800,00. Questa somma deve essere versata in un unica soluzione (premio unico anticipato), contestualmente alla stipula dell’atto notarile di mutuo. Molto persone, non preventivando nei loro risparmi un costo accessorio al mutuo così elevato, hanno dovuto richiedere un finanziamento a parte, appesantendo di conseguenza il loro budget mensile.

Ma cosa accade se il cliente estingue anticipatamente il mutuo (ad esempio in caso di vendita dell’immobile) o trasferisce/surroga la sua pratica con un altro istituto di credito? Ha diritto al rimborso dell’assicurazione mutuo?
Nel 2010, più precisamente il 26 maggio, ISVAP ha pubblicato il Regolamento n. 35 Regolamento ISVAP n. 35 del 26 maggio 2010(REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DISCIPLINA DEGLI OBBLIGHI DI INFORMAZIONE E DELLA PUBBLICITA’ DEI PRODOTTI ASSICURATIVI, DI CUI AL TITOLO XIII DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE 2005, N. 209 – CODICE DELLE ASSICURAZIONI PRIVATE) che all’art. 49 norma l’obbligo da parte delle compagnie assicurative di “restituzione del premio” assicurativo. Più precisamente questo articolo stabilisce che nei contratti di assicurazione abbinati a mutui o più genericamente ai finanziamenti nei quali è previsto il pagamento anticipato a premio unico della polizza assicurativa sostenuto dal cliente (debitore/assicurato), nel caso di estinzione anticipata del mutuo o finanziamento, o nel caso del suo trasferimento ad altro istituto di credito, le compagnie di assicurazione dovranno restituire al cliente la parte del premio pagato relativo al periodo residuo rispetto alla scadenza originale.

Cosa significa?
Nel nostro esempio Mario ha stipulato una polizza assicurativa abbinata al mutuo  casa con premio unico anticipato pari ad € 7.800,00. Dopo 12 mesi Mario decide di vendere casa e contestualmente al rogito di compravendita riceve una liquidità tale da estinguere il debito residuo del mutuo (operazione fondamentale per cancellare l’ipoteca della precedente banca). Mario pertanto, avendo estinto il mutuo, non potrà più usufruire delle garanzie correlate all’assicurazione all risks stipulata 12 mesi prima, quindi grazie a questa nuova normativa potrà richiedere il rimborso assicurazione mutuo. Il calcolo della somma da restituire al cliente spetta alla compagnia assicurativa ed è calcolato per il premio puro in funzione degli anni (e frazione di anni) mancanti alla scadenza originaria del contratto. L’assicurazione può addebitare i costi presenti nel modulo di adesione alla copertura assicurativa (documento sottoscritto in sede di stipula polizza) per spese amministrative effettivamente sostenute (esempio per l’emissione del contratto o per il rimborso del premio).
L’art. 49 di questo regolamento norma inoltre la facoltà da parte del cliente di optare, in alternativa del rimborso assicurazione mutuo, alla variazione del beneficiario designato.

Da quando è in vigore?
Il regolamento ISVAP, relativo al rimborso assicurazione mutuo (o altri finanziamenti)  ha effetto dal 1 dicembre 2010, ovvero per le stipulate dopo questa data. Ad esempio Mario ha stipulato la polizza assicurazione mutuo il 01/11/2010 e Giuseppe il 01/12/2010. Mario, avendo stipulato un mese prima dell’entrata in vigore del regolamento ISVAP non ha diritto al rimborso assicurazione mutuo, mentre Giuseppe si.

Come richiedere il rimborso assicurazione mutuo stipulata dopo il 1 dicembre 2012?
E’ sufficiente spedire una raccomandata AR direttamente alla compagnia specificando nell’oggetto il numero di polizza. Allegate alla stessa copia:

  1. della scheda di adesione alla copertura assicurativa,
  2. della distinta della banca dalla quale di evince l’estinzione del mutuo ovvero al documento di trasferimento mutuo/finanziamento
  3. del vs. documento d’identità e codice fiscale

E per le assicurazioni stipulate precedentemente?
In questi casi è possibile presentare richiesta di rimborso assicurazione mutuo o finanziamento, ma la compagnia assicurativa può negarlo. Non si ha nessun diritto in quanto la normativa non stabilisce la retroattività di questo regolamento. E’ pur vero che molte compagnie hanno aderito ad una Linea Guida di ANIA, ISVAP e ABI impegnandosi al rimborso del premio.

Cosa fare in questi (per le richieste di rimborso assicurazione mutuo stipulate prima del 01 dicembre 2010)?
Noi consigliamo in tutti i casi di richiedere il rimborso assicurazione mutuo o finanziamento alla compagnia assicurativa come precedentemente esposto. Menzionate nel testo della lettera che la vostra richiesta fa riferimento alle Linee Guida ANIA, ISVAP ed ABI. In caso di diniego, potete chiedere assistenza anche ad un’associazione consumatori come ad esempio CRTCU (Centro di Ricerca e Tutela dei Consumatori e degli Utenti) che per conto di altri clienti ha già seguito posizioni analoghe.

HAI UNA DOMANDA? CLICCA QUI E SCRIVICI UN COMMENTO!

AssicurazioneA.it

L'articolo è interessante? Condividilo!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+