Rivalsa Assicurazione: Cos’è e Come Funziona?

L'articolo è interessante? Condividilo!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+

rivalsa assicurazioneFra le varie clausole presenti in un contratto di assicurazione, la compagnia (assicuratore) può inserire il diritto di rivalsa o la rinuncia alla rivalsa. Spesso gli interrogativi che coinvolgono il contraente di una polizza di assicurazione sono:

  • Cos’è il Diritto di Rivalsa o la Rinuncia alla Rivalsa?
  • Come posso sapere se la mia compagnia applica il Diritto o la Rinuncia alla Rivalsa?
  • Posso chiedere alla mia compagnia la Rinuncia alla Rivalsa?

Di seguito vi forniremo maggiori dettagli su questi argomenti.

Cos’è il Diritto di Rivalsa o la Rinuncia alla Rivalsa?
Per Rivalsa si intende il diritto da parte della compagnia assicurativa di “rivalersi” sul suo cliente (contraente polizza) nel caso in cui la stessa compagnia rimborsi danni a terzi causati da un sinistro nel quale il conducente non rispetti una delle clausole previste dal contratto ovvero per gravi violazioni del Codice della Strada.
Il  diritto di rivalsa è generalmente previsto nei casi di guida:

  • con patente scaduta,
  • con revisione veicolo non valida,
  • in stato di ebbrezza,
  • sotto effetto di sostanze stupefacenti,
  • di veicoli con motori truccati,
  • di veicoli con pneumatici non omologati,
  • di un conducente diverso da quello indicato a contratto,
  • di un conducente con età inferiore a quella prestabilita da contratto,
  • di un conducente con meno anni di anzianità patente rispetto a quelli previsti dal contratto

Esempio: Mario (cliente – contraente assicurato), per pagare un premio ridotto alla compagnia, dichiara che chi guiderà quel veicolo, oltre a se stesso, potrà essere un’altro conducente di età superiore a 23 anni e con più di 2 anni di patente. La compagnia, considerato quanto dichiarato da Mario, avvantaggia lo stesso tramite il pagamento di un premio polizza più basso rispetto al caso in cui lo stesso veicolo fosse guidato da qualsiasi persona munita di patente, ma senza alcuna limitazione ne di età anagrafica ne di anzianità dal conseguimento patente.
Dopo aver stipulato la polizza, Mario presta il veicolo al fratello Luca (età 20 anni) che accidentalmente causa il tamponamento di un altro veicolo. La compagnia di assicurazione, obbligata a rimborsare i danni a terzi, potrà applicare il Diritto di Rivalsa nei confronti del suo cliente assicurato (Mario) in quanto il conducente (Luca fratello di Mario) ha meno di 23 anni, clausola prevista nel contratto di polizza rca sottoscritto da Mario. Nel caso in cui Mario avesse stipulato una polizza senza questa clausola, avrebbe di certo pagato un premio polizza maggiore, ma d’altro canto si sarebbe tutelato maggiormente in caso di incidente stradale.
La Rinuncia alla Rivalsa avviene quando la compagnia esclude la possibilità di richiedere il risarcimento di quanto anticipato a copertura di un sinistro anche nei casi in cui la rivalsa viene applicata, come ad esempio nel caso di un sinistro causato da un guidatore in stato di ebbrezza.

Come posso sapere se la mia compagnia applica il Diritto o la Rinuncia alla Rivalsa?
Nelle condizioni generali del contratto di polizza la compagnia ha di certo indicato se previsto il diritto o la rinuncia alla rivalsa e nel caso di diritto alla rivalsa avrà elencato le varie clausole previste. Nel dubbio potete richiederlo esplicitamente al vostro agente assicurativo o alla compagnia.

Posso chiedere alla mia compagnia la Rinuncia alla Rivalsa?
Il diritto o la rinuncia alla rivalsa è una condizione decisa a monte dalla compagnia di assicurazione e pertanto è difficile negoziare condizioni differenti da quanto previsto nelle condizioni generali di polizza. La compagnia può prevedere l’esclusione o meno del diritto di rivalsa maggiorando o riducendo il premio della polizza.
Noi vi consigliamo di non speculare sul risparmio del premio della polizza se non sicuri di soddisfare tutte le clausole previste per la rinuncia alla rivalsa.

AssicurazioneA.it

L'articolo è interessante? Condividilo!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+